XXII Congresso Nazionale COI-AIOG – Bologna 2018

XXII Congresso Nazionale COI-AIOG – Bologna 2018

Successo dell’edizione numero 22. Cannarozzo: la nostra una Associazione viva ed attiva.

A dispetto della neve abbondante, dei treni in ritardo o cancellati, degli aerei che non atterravano, al congresso c’era tanta gente, tanti giovani, tanti studenti. È stata una bellissima esperienza. E in questo clima ovattato per la neve, con i dintorni imbiancati si sono susseguite una serie di relazioni di ottimo livello. L’apertura è del Presidente Nazionale Maria Grazia Cannarozzo, che ha brevemente illustrato come l’attività formativa ECM di COI-AIOG, tradotta in numeri, dia il quadro di un’Associazione viva e attiva, ben radicata e presente su tutto il territorio.

A seguire i saluti istituzionali delle numerose Autorità presenti, dal Presidente CAO Nazionale Raffaele Iandolo, a Giancarlo Pizza, Presidente OMCeO Bologna, dal Vicepresidente Vicario Enpam Giampiero Malagnino, al Presidente Andi Nazionale Gianfranco Prada, al Presidente Nazionale AIO Fausto Fiorile, a Luigi Checchi, Presidente del CLOPD Università di Bologna, al Presidente del GTO Enrico Massarotti , al Segretario Nazionale SIASO Fulvia Magenga.

E poi il ricco e fitto programma scientifico, dove la qualità ha parlato il linguaggio concreto della quotidiana attività professionale, laddove, ogni trattamento, sia che si tratti di riabilitazioni implantari (Esposito, Romeo, Mangano), o di restauri in conservativa (Tessore), o riabilitazioni con protesi mobile (Occhiuzzi), fino alle pianificazioni del piano di trattamento con imaging 3d (D’Agostino), deve seguire i criteri rigorosi dell’efficienza e dell’appropriatezza.

Concetti ribaditi dalle relazioni della scuola dell’Università di Bologna del Prof. Luigi Checchi, da Caterina Di Marco e da Francesco Spatafora. Si è parlato anche con Federica Demarosi dell’importanza della lotta al fumo e di come questo impegno debba essere sempre presente nella attività dello studio. Smettere di fumare è il gold standard e a questo obiettivo devono lavorare tutte insieme le figure del team. E se proprio il paziente non vuole, o non riesce a smettere, ha spiegato Luigi Godi, allora si può passare al nuovo MRTP della Philippe Morris che, dati alla mano, riduce del 90-95 % i prodotti cancerogeni della sigaretta.

All’interno del programma Congressuale un momento di riflessione sulla professione odontoiatrica con la tavola rotonda coordinata da Norberto Maccagno alla quale hanno partecipato Raffaele Iandolo, Giampiero Malagnino, Gianfranco Prada, Fausto Fiorile, Laura Filippucci di Altroconsumo.

Molto seguite anche le altre sessioni del sabato mattina con le Assistenti di Studio Odontoiatrico che hanno trattato di sicurezza e sterilizzazione con Roberta Pegoraro, e gli odontotecnici, che sotto la guida del GTO, hanno trattato di ortodonzia e dispositivi attivi nel riequilibrio posturale, con Luca Bastianelli e altri relatori.

Molto partecipata anche la sessione poster con contributi provenienti da tutte le regioni. Il premio Alessandro Melli è stato attribuito ai colleghi del COCI, Cenacolo Centro Italia, per il poster dal titolo: “New methods the surgery of the maxillary sinus: fit-lock technique”.

Un’edizione sicuramente interessante, ricca di contenuti e di alto livello scientifico,con indicazioni concrete per un’Odontoiatria, veramente, “di qualità” e al servizio del paziente, come nella Mission di COI-AIOG.

Fonte:  Dental Tribune International

Fonte: Odontoiatria33

Lascia un commento